Giurisprudenza e finanza

Soggetto cointestatario del buono . Si può impedire il rimborso ?

Spesso capita che un soggetto cointestatario di un buono vada a chiedere il rimborso della somma allo sportello dell’ufficio postale senza comunicare nulla agli  altri interessati .

Si può evitare tutto questo ?

Certo,  è possibile notificare un ‘opposizione al rimborso direttamente presso  un qualunque ufficio postale mediante notifica di un ufficiale giudiziario  .

Però occorre fare alcune distinzioni .

Per i buoni fruttiferi emessi fino al 27/12/2000 si applica l’art. 157 del Codice Postale ( D.P.R. n. 156/1973) , secondo il quale le opposizioni al rimborso sono ammesse: 1) esclusivamente da parte di ciascuno degli intestatari nel caso di Buoni emessi a favore di più persone ; 2) da parte dei rappresentanti legali ; 3) da parte di ciascun coerede sui  Buoni intestati o cointestati a persone defunte ; 4) da parte dei titolari  i cui  Buoni si trovino in possesso di altre persone .Il pagamento del buono così resta bloccato fino all’atto di revoca dell’opposizione da parte di chi l’ha effettuata oppure  dietro provvedimento di revoca emesso dal Giudice .

Versamenti e prelievi in contanti dal libretto . Per quali importi ?

Per i buoni fruttiferi postali emessi dal 28/12/2000  ( data di entrata in vigore del D.M. 19/12/2000) , non è più possibile l’opposizione al rimborso  formulata da uno dei cointestatari con pari facoltà di riscossione o da altri aventi diritto.Il rimborso di tali  Buoni può comunque  essere impedito mediante un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria  che ordini a Poste  la sospensione del pagamento .Gli uffici postali non possono procedere al rimborso fino alla notifica di un successivo provvedimento di rimozione dell’atto di sospensione.

Infine, per i buoni fruttiferi postali cartacei emessi dal 05/09/2005, l’ufficio postale non procede al rimborso sia in presenza di un atto del Giudice, sia in presenza di opposizione da parte di uno dei cointestatari o di uno degli eredi del cointestatario deceduto , oppure del rappresentante dell’interdetto o dell’inabilitato ( fonte regolamento Poste Italiane ).

Non perderti gli articoli più interessanti è resta con noi su MondoNews24

Rimani aggiornato, seguici su Facebook