News

Sacerdote, accusato di pedofilia, ucciso con un crocifisso

In Francia, un diciannovenne Alexandre V. è stato incriminato per l’omicidio di Roger Matassoli, un sacerdote di 91 anni che era stato  ucciso il 4 novembre nella sua casa. L’omicidio dell’ex parroco era stato brutale, il prelato era stato sospeso dal 2009 dai superiori con l’accusa di molestare i ragazzi nella chiesa. L’ex parroco era stato ucciso con un crocifisso bloccato in gola.

Dopo il crimine, il diciannovenne è stato immediatamente identificato, inizialmente non è stato interrogato perché si trovava in uno stato “alterato e delirante”, ed è stato così fino al giorno dopo. Secondo i media, incluso il British Daily Mail, l’ex sacerdote in passato aveva presumibilmente abusato non solo del giovane che lo ha poi torturato e ucciso, ma anche di suo padre Stephane.

Il padre del presunto omicida, Stephane, era solo un bambino quando l’ex prete lo abusava e questo avrebbe costretto suo padre, il nonno di Alexander, a togliersi la vita. Alexandre, secondo i media, aveva tentato il suicidio dopo essere stato abusato.

“Quest’uomo ha distrutto un’intera famiglia”, ha commentato Stephane, il padre di Alexander. Il diciannovenne dovrà rispondere di crimini di tortura, omicidio e resistenza agli arresti. 

LEGGI ANCHE “Santo” e guaritore: condannato a 19 anni di carcere per stupro

Non perderti gli articoli più interessanti è resta con noi su MondoNews24

Rimani aggiornato, seguici su Facebook