News

Coronavirus, ha fatto una foto prima e dopo un mese in terapia intensiva: la differenza è spaventosa

In questi mesi di Coronavirus abbiamo sentito e letto così spesso di migliaia di pazienti costretti a trascorrere settimane in terapia intensiva negli ospedali ma sembra che quei momenti non ci rendano pienamente consapevoli delle gravi conseguenze fisiche e mentali della malattia sulle persone. La foto pubblicata da Mike Schultz, un infermiere di 43 anni di San Francisco, in California, che ha contratto il Covid-19 ed è stato costretto ad essere intubato in terapia intensiva, sta facendo il giro del mondo ed è davvero impressionante. La foto è stata pubblicata sul suo account Instagram

In effetti, l’uomo ha pubblicato un collage con due sue fotografie: una realizzata prima di ammalarsi di Coronavirus e una dopo un mese e mezzo di ricovero, di cui quattro settimane trascorse in terapia intensiva. “Volevo mostrare a tutti”, ha scritto Schultz nel suo post, “quanto può essere brutto rimanere con un ventilatore polmonare o intubato per 6 settimane. La polmonite causata da Covid ha notevolmente ridotto le mia capacità di respirare, per più di 8 settimane sono stato lontano dalla famiglia e dagli amici. Ogni giorno ho provato a recuperare. Questa volta tornerò alla mia vita normale in modo più sano.”

Prima di contrarre il Coronavirus, l’infermiere – un appassionato di bodybuilding – aveva un tono muscolare molto visibile. Nella seconda foto, tuttavia, è chiaro che gran parte della massa del suo corpo è stata letteralmente aspirata dal Covid, prima pesava 86 chilogrammi e alla fine della terapia intensiva ne pesava 63. Schultz ha anche affermato di non essere affetto da nessun’altra malattia e crede di aver contratto il Coronavirus durante una festa a Miami nel mese di marzo, 38 persone che hanno preso parte a quella festa si sono ammalate, tre sono morte.

LEGGI ANCHE Un uomo di 37 anni, in videoconferenza, è stato condannato a morte per traffico di droga

Non perderti gli articoli più interessanti e resta con noi su MondoNews24

Rimani aggiornato, seguici su Facebook